27 GENNAIO 2023: GIORNATA DELLA MEMORIA

La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

(Legge 20 luglio 2000, n. 211)

INIZIATIVE 2022-2023

Temi: i valori della Resistenza al nazifascismo come fondamento delle Istituzioni della Repubblica; la memoria della Shoah e le leggi razziali; i principi costituzionali; la tutela dei diritti umani; la lotta alla mafia; la memoria come educazione alla legalità.

Attività: promozione e partecipazione alle iniziative presenti sul territorio in occasione delle giornate di commemorazione storica e civile; adesione a concorsi che stimolino all'indagine storica e alla riflessione; esperienze di testimonianza diretta; collaborazione con enti, associazioni, istituzioni pubbliche; viaggi "della memoria" (anche virtuali...se necessario); film, spettacoli teatrali, mostre.

Gennaio 2022

FIACCOLATA PER IL GIORNO DELLA MEMORIA 2023

Venerdì 27 gennaio 2023 dalle ore 20:00 si svolgerà la tradizionale fiaccolata organizzata dall’Associazione Nessun uomo è un’isola ONLUS – Museo Carcere Le Nuove in  memoria delle vittime della deportazione e dei tanti detenuti che vi furono rinchiusi nel periodo della Seconda Guerra Mondiale.

La Commissione Cittadinanza e Costituzione invita allievi, colleghi e personale ATA a partecipare. Il desiderio è di organizzare una rappresentanza del Liceo Galfer. Il ritrovo è alle ore 20.00: la fiaccolata partirà dal Binario 17 della Stazione di Porta Nuova, di fronte alla lapide dell’ANED  (Associazione Nazionale Ex Deportati) e si snoderà lungo Corso Vittorio Emanuele II, fino a giungere l’ex Carcere Le Nuove.

27 GENNAIO 2022: GIORNATA DELLA MEMORIA

In occasione del Giorno della Memoria 2023, la Commissione Cittadinanza e Costituzione del Liceo Scientifico Statale “Galileo Ferraris” invita i colleghi di ogni disciplina a dedicare un momento di riflessione sul tema della Shoah all’interno delle loro classi nella mattinata di venerdì 27 gennaio.

Ricordare è fondamentale, a scuola lo si può fare leggendo una poesia, il passo di un libro o visualizzando delle immagini insieme agli allievi. Oppure partecipando agli eventi  organizzati nella nostra città.

Segnaliamo le proposte dell’Archivio Cinematografico della Resistenza consultabili all’indirizzo https://ancr.to.it/evento/comunicare-nuove-energie-alla-riflessione-sul-giorno-della-memoria-il-programma-ancr-per-il-gennaio-2023/.

Inoltre il Polo del ‘900 propone diverse iniziative, come la mostra Beyond The Ashes. Oltre le ceneri, in riferimento alla quale tutte le indicazioni sono fornite al link https://www.polodel900.it/beyond-the-ashes-oltre-le-ceneri/

Ai seguenti link sono illustrati in dettaglio altri eventi in programma:

https://www.polodel900.it/evento/februaristaking-febbraio-1941-in-difesa-degli-ebrei/

https://www.polodel900.it/evento/le-matite-sbriciolate-di-nonno-antonio/

https://www.polodel900.it/evento/le-donne-nella-shoah/

https://www.polodel900.it/evento/concerto-per-il-giorno-della-memoria-con-raiz-almamegretta-auditorium-band/

Pietre d'inciampo: Venerdì 27 gennaio alle ore 18 presso laFeltrinelli di p.zza CLN, il Museo Diffuso della Resistenza e l’Istituto piemontese per la Storia della Resistenza raccontano il loro progetto di percorsi didatti alla scoperta delle Pietre d’Inciampo e dei luoghi della vita quotidiana della Resistenza.

Per il nono anno, Torino accoglie 13 nuove pietre d'inciampo dedicate ad altrettante vittime della deportazione nazista e fascista. Saliranno cosìa143 le pietre d’inciampo presenti sul territorio cittadino. Sul sito del Museo Diffuso della Resistenza si trova la geolocalizzazione delle pietre sul territorio cittadino e le biografie delle vittime a cui sono dedicate.