PER FARE MEMORIA: INIZIATIVE 2023-2024

La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

(Legge 20 luglio 2000, n. 211)

INIZIATIVE 2023-2024

Temi: i valori della Resistenza al nazifascismo come fondamento delle Istituzioni della Repubblica; la memoria della Shoah e le leggi razziali; i principi costituzionali; la tutela dei diritti umani; la lotta alla mafia; la memoria come educazione alla legalità.

Attività: promozione e partecipazione alle iniziative presenti sul territorio in occasione delle giornate di commemorazione storica e civile; adesione a concorsi che stimolino all'indagine storica e alla riflessione; esperienze di testimonianza diretta; collaborazione con enti, associazioni, istituzioni pubbliche; viaggi "della memoria" (anche virtuali...se necessario); film, spettacoli teatrali, mostre.

Gennaio 2024

GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO 2024

Come ogni anno, nel ricordo delle vittime della Shoah e dei tanti deportati nei lager nazisti (ebrei, prigionieri politici, internati militari, omosessuali, testimoni di Geova, zingari) la Commissione Educazione Civica del Liceo Scientifico Statale “Galileo Ferraris” e la Dirigente Scolastica prof.ssa Antonietta Mastrocinque invitano gli studenti e tutto il personale scolastico a cogliere l'occasione della ricorrenza del Giorno della Memoria per riflettere sul valore della memoria stessa attraverso la lettura di un brano, una poesia, la visione di un documentario, l'ascolto della testimonianza dei sopravvissuti, un pensiero su quella che dopo tanti decenni resta un'immane tragedia per l'umanità.

Si allega l'opuscolo del programma completo delle iniziative programmate sul territorio cittadino.

FIACCOLATA DELLA MEMORIA DA PORTA NUOVA AL CARCERE LE NUOVE

Italiani, ebrei e stranieri hanno sofferto la prigionia dura, persecutoria e fatale nelle carceri torinesi “Le Nuove”, durante la seconda guerra mondiale, in particolare nel 1943-45. La mancanza di testimoni diretti è purtroppo perdita di esempi di vita illuminanti, di storie normali significative, di narrazioni credibili, di contesti esperienziali inimmaginabili. Oggi, i deportati rischiano di essere dimenticati o  commemorati secondo le nostre rappresentazioni mentali; sono di nuovo condannati a non avere una loro voce, una loro appartenenza all’umanità; a non essere nemmeno soggetti della propria memoria comunicativa.

Fiaccolata Memoria 2024

Lo scopo della ricorrenza istituzionale della Giornata della Memoria è testimoniato dall’Ass. Onlus “Nessun uomo è un’isola”, che gestisce il Museo Carcere “Le Nuove” di Torino,  con la tradizionale fiaccolata lungo corso Vittorio Emanuele II. La Commissione Educazione Civica del Liceo invita all'evento tutta la comunità del Galfer.

L’incontro è Sabato 27 Gennaio 2024, dalle ore 20.00, partendo dalla Stazione ferroviaria di Porta Nuova Binario 17, sito di fronte alla lapide dell’ANED, proseguendo lungo Corso Vittorio Emanuele II fino a giungere al Museo Carcere “Le Nuove” di Torino.

INCONTRO CON ALDO ROLFI, FIGLIO DI LIDIA BECCARIA ROLFI (30 GENNAIO 2024)

Lidia Beccaria Rolfi, partigiana, il 13 aprile del 1944 fu arrestata dai fascisti della Guardia nazionale Repubblicana e consegnata alla Gestapo; trasferita prima a Saluzzo e poi alle Carceri Nuove di Torino, il 27 giugno venne deportata nel campo di concentramento di nazista di Ravensbrück assieme ad altre tredici donne; fu liberata nell'aprile del 1945. Dall'esperienza vissuta nacque, nel 1978,in collaborazione con anna Maria Bruzzone,  la prima opera in italiano sulla deportazione femminile nei lager nazisti, Le donne di Ravensbrück .

Il 30 gennaio, nell'ambito del Progetto Einaudi, le classi 3^M, 4^M e 4^C, dopo aver letto il suo libro L'esile filo della memoria, che racconta il difficile ritorno alla libertà dopo il lager, incontra il figlio Aldo Rolfi che continua a dare voce alle parole di Lidia, in un ideale passaggio del testimone.

SPETTACOLO L'ISTRUTTORIA DI PETER WEISS PRESSO IL TEATRO GOBETTI (23-28 GENNAIO 2024)

Fra i titoli selezionati dal Teatro Stabile per l'abbonamento rivolto alle scuole, il Galileo Ferraris ha scelto di proporre ai suoi studenti e alle sue studentesse L'istruttoria di Peter Weiss, portata in scena dagli allievi della Scuola per attori del Teatro Stabile di Torino. 

Il celebre testo fu scritto da Weiss dopo che ebbe assistito allo storico processo contro un gruppo di SS e di funzionari del lager di Auschwitz, che si svolse a Francoforte dal 1963 al 1965. La cronaca storica di quel processo non avrebbe significato se ad essa non rispondessero le nostre coscienze contemporanee. Le testimonianze a cui danno voce i giovani interpreti in scena rispondono con consapevolezza al dovere di ricordare e mantenere vivo l'impegno verso la storia.

"Il teatro, con i suoi infiniti testi, può formare persone ancor prima di attori. [...] Il teatro è la sede dove fare i conti con la nostra memoria, dove senza nascondersi dietro un telefono possiamo occuparci di noi stessi occupandoci degli altri" (Leonardo Lidi, regista)

Allegati

opuscolo_giorno-della-memoria24.pdf